Il caso rumeno PDF

Filmarelalterita.it Il caso rumeno Image

INFORMAZIONE

AUTORE: none

DIMENSIONE: 5,52 MB

ISBN: 9788872850121

DESCRIZIONE

Lo spettro dei Balcani ritorna minaccioso sulla scena europea: "è come una parola magica con cui ogni male si spiega". Balcani è sinonimo di terribili condizioni. Una polveriera, si diceva prima della grande guerra. A lungo i Balcani furono quel luogo sconosciuto in cui avevano inizio i paesi lontani, l'"Oriente". E rischiano di restarlo, grazie all'interessata indifferenza di un'Europa che si sente infinitamente lontana dai suoi inquilini sudorientali. Alle tenebre balcaniche che seguitano a far da sfondo ai cruenti avvenimenti del presente, l'autore di questo libro cerca di sostituire una documentata consapevolezza delle vicende storiche, la lunga durata delle tradizioni culturali, dei miti e delle ideologie, ma anche delle aspre condizioni di vita in quella parte dimenticata del continente. "La scomparsa del comunismo scrive Wagner - risolve altrettanto poco i problemi di questi paesi, quanto la sua affermazione 45 anni fa. La scomparsa del comunismo riconduce i popoli dell'Europa sudorientale ai suoi antichi miti". Finito il monopolio comunista sui miti della nazione essi tornano a disposizione delle più svariate formazioni e correnti. Questo è lo scenario che fa da sfondo alla ricostruzione dei fatti rumeni: dal basso impero del conducator alla rivoluzione di dicembre, dall'esecuzione del dittatore alla formazione del fronte di Iliescu e Roman, dai giovani in piazza contro la "rivoluzione tradita" all'intervento repressivo dei minatori, ai nuovi conflitti nazionali.

"Cronache «In Italia sono arrivati, insieme a tanti cittadini in cerca di lavoro, molti criminali» Omicidi, violenze, furti: il «caso romeno» Il rapporto: primi tra gli stranieri nei reati più ..."

SCARICARE
LEGGI ONLINE
Il caso rumeno PDF. Il caso rumeno ePUB. Il caso rumeno MOBI. Il libro è stato scritto il 1991. Cerca un libro di Il caso rumeno su filmarelalterita.it.

Fascismo e cultura: il caso rumeno. ... Ionesco diceva di essere antifascista già negli anni Trenta, voleva scappare dalla Romania, ormai infestata dalla Guardia di Ferro, gente orribile, sporchi antisemiti, nazionalisti violenti… e dove va a finire?