Lo sguardo vuoto. L'esaurimento della cultura europea PDF

Filmarelalterita.it Lo sguardo vuoto. L'esaurimento della cultura europea Image

INFORMAZIONE

AUTORE: Jean-François Mattéi

DIMENSIONE: 6,69 MB

ISBN: 9788822053800

DESCRIZIONE

La formazione dell'identità europea è caratterizzata, secondo Mattéi, dalla nascita di uno sguardo che si distanzia dal proprio oggetto e, declinandosi all'infinito, permette di illuminare e preservare la verità di quanto osserva, anche dell'"altro" più remoto. Tracciare la storia della nascita di tale sguardo, a partire dall'incrocio fra mito, letteratura e filosofia, significa stabilire la specificità di quello che è l'unico elemento in grado di definire propriamente l'identità europea. Senza rinnegare le radici stesse da cui è nata l'Europa, Jean-François Mattéi cerca di "tenere la rotta" di una valorizzazione della cultura europea che renda giustizia alla sua storia mediterranea, ai contributi originari del mito e della religione, del pensiero artistico e filosofico, ma, soprattutto, alla dimensione della trascendenza, costitutiva di ogni esperienza artistica, spirituale e teoretica. Come già mostrava Walter Benjamin, senza di essa, ai cittadini europei pare essere rimasta solo la possibilità di muoversi nel mondo dell'economia e delle merci come automi dallo "sguardo vuoto".

"Lo sguardo vuoto. L'esaurimento della cultura europea. Success. Student's book-Workbook. Per le Scuole superiori. Ediz. speciale. Con CD Audio. 2. L'ultimo bacio. Torino indaga. Le inchieste della Procura e Questura di Torino. 2. Senderos malados. Ediz. italiana. Gestione della produzione."

SCARICARE
LEGGI ONLINE
Siamo lieti di presentare il libro di Lo sguardo vuoto. L'esaurimento della cultura europea, scritto da Jean-François Mattéi. Scaricate il libro di Lo sguardo vuoto. L'esaurimento della cultura europea in formato PDF o in qualsiasi altro formato possibile su filmarelalterita.it.

Un'edizione dedicata all'Economia della bellezza e Ceschin spiega il perché: "Serve una rivoluzione dello sguardo, non possiamo più dire che il patrimonio ci appartiene, siamo noi a dover appartenere al patrimonio, questa è la rivoluzione che abbiamo lanciato in questi giorni attraverso molte narrazioni e casi di eccellenza che adesso ...