Dieci pericolosissime anarchiche PDF

Filmarelalterita.it Dieci pericolosissime anarchiche Image

INFORMAZIONE

AUTORE: Massimo Lunardelli

DIMENSIONE: 7,14 MB

ISBN: 9788879041263

DESCRIZIONE

Dieci anarchiche italiane vissute tra la fine dell'Ottocento e la prima metà del Novecento, ritenute pericolosissime da ogni polizia e perciò costantemente controllate, in pubblico e in privato, in Italia come all'estero. I loro nomi sono ormai dimenticati, ma ricorrono nei documenti conservati presso il Casellario Politico dell'Archivio Centrale dello Stato. Si chiamavano Ersilia Cavedagni, Ernestina Cravello, Nella Giacomelli, Clotilde Peani, Virgilia D'Andrea, Leda Ratanelli. Fosca Corsinovi, Elena Melli, Maria Rygier e Maria Bibbi, e sono state per cinquant'anni, ognuna a modo suo, protagoniste dell'anarchismo. Le loro travagliate esistenze, qualcuna spezzata, raccontano - fra rivolte e prigioni, giornali, spie e cospiratori, amori e rancori, attentati veri o presunti - le storie non prive di contraddizioni dell'antimilitarismo, del sindacalismo rivoluzionario, degli esuli politici in giro per il mondo, della guerra civile di Spagna e dell'opposizione al fascismo. Con loro e intorno a loro altre donne e molti uomini. Un affresco umano e politico di chi ha attraversato la vita controcorrente.

"'Dieci pericolosissime anarchiche', fa rivivere donne che hanno segnato una tappa fondamen-tale del nostro passato storico. Che studi ha fatto per ricostruire la vita di queste dieci donne? "Ho frugato molto soprattutto presso il casellario politico centrale conservato presso l'archivio di stato di Roma. E' persino commovente scoprire"

SCARICARE
LEGGI ONLINE
Siamo lieti di presentare il libro di Dieci pericolosissime anarchiche, scritto da Massimo Lunardelli. Scaricate il libro di Dieci pericolosissime anarchiche in formato PDF o in qualsiasi altro formato possibile su filmarelalterita.it.

Dieci anarchiche italiane vissute tra la fine dell'Ottocento e la prima metà del Novecento, ritenute pericolosissime da ogni polizia e perciò costantemente controllate, in pubblico e in privato, in Italia come all'estero.