Guida alla musica francese dal dopoguerra a oggi PDF

Filmarelalterita.it Guida alla musica francese dal dopoguerra a oggi Image

INFORMAZIONE

AUTORE: none

DIMENSIONE: 2,28 MB

ISBN: 9788862881838

DESCRIZIONE

Con la fine della Seconda guerra mondiale, la vittoria degli anglo-americani determina una rivoluzione nei gusti musicali europei: dagli anni Cinquanta in poi l'avvento del rock 'n' roll soppianta i generi originari dei vari paesi del Vecchio Continente, suggerendo al contempo mode, costumi e filosofie di pensiero. Solo un Paese riesce a contenere lo strapotere mediatico anglo-statunitense, mantenendo salde le proprie tradizioni musicali e arrivando addirittura a imporsi oltre oceano: è la Francia, con figure divenute leggendarie a livello internazionale come Edith Piaf, Yves Montand e Charles Aznavour. Non è facile spiegare il motivo di questo successo, ma senza dubbio l'orgogliosa evoluzione storica e sociale della Francia ha avuto un ruolo prioritario. Così come il successo di movimenti artistici corroborati da intellettuali di gran fama quali Jean-Paul Sartre e Albert Camus, e da muse come Juliette Greco, potrebbe aver creato i presupposti per continuare a credere nei propri sogni e nelle proprie idee. Questa guida indaga i principali rappresentanti di questa "resistenza" francese, offrendo un campionario di talenti che da sessant'anni segnano le sorti della cultura musicale d'Oltralpe.

"Elenco articoli con tag: Gianluca Grossi (1 risultati) Storie d'amore alla francese. Daniele Martino"

SCARICARE
LEGGI ONLINE
Leggi il libro di Guida alla musica francese dal dopoguerra a oggi direttamente nel tuo browser. Scarica il libro di Guida alla musica francese dal dopoguerra a oggi in formato PDF sul tuo smartphone. E molto altro ancora su filmarelalterita.it.

Fu solo nel 1944 che il giovane Ivo Livi si trasferì a Parigi, sempre con l'appoggio di Audiffred, e lì prese il nome di Yves Montand. Lo pseudonimo è derivato dalla francesizzazione del suo nome italiano e dall'esclamazione della madre o del padre che lo richiamava in casa dal cortile: "Ivo, monta!"